RUBRICA “LE VIE DEL BORGO”: VIA FILIPPO CORRIDONI

0
300

E’ il trafficato asse viario che dalla città conduce alla Valle Seriana. Inizia dalla confluenza di via Santa Caterina con via Suardi e Fratelli Cairoli ed è costeggiata su entrambi i lati da numerosi edifici sia residenziali che commerciali; sulla sinistra incrocia via Milazzo e Piazzale Loverini, sulla destra via Bianzana.
La via attiene alla parrocchia di Santa Caterina solo per il tratto compreso tra Piazzale Loverini e via Bianzana.

Il personaggio: Filippo Corridoni

Nato nel 1888 a Pausola, oggi Corridonia (provincia di Macerata), nel 1905 si trasferì a Milano dove entrò in contatto con il sindacalismo rivoluzionario abbandonando il mazzinianesimo.
Dapprima convinto antimilitarista, fondò il quindicinale “Rompete le righe” e collaborò tra il 1907 e il 1913 con varie riviste sindacaliste e partecipò alla settimana rossa del 1914. Dopo essere entrato in contatto con Mussolini divenne nazionalista ed interventista, tanto che nel 1915 si arruolò volontario e nello stesso anno, il 23 ottobre, cadde in combattimento sul Carso.
Venne insignito della medaglia d’argento al valor militare ma in seguito, per iniziativa di Mussolini che lo considerava un antesignano del fascismo, gli fu attribuita la medaglia d’oro.